Le poesie ti Ziu Roccu: “Maremotu”

0
Iou mi ricordu sirma ca ticia"Lu terramotu è bruttu, fiju mia"poi 'nci pinsava nu picca e continuavae fissu intra all’uecchi mi guardava. Sirai tinìa paura cu mi ticenna cosa cchiù fiacca ti ci ti mmaletice?E...

Nu ecchiu forte, tuestu e caminante

0
Nu ecchiu forte, tuestu e caminante è statu ti la Barca lu comandante. A 'ngiru pi lu munnu si nn’è sciutu, ti l’Asia e ti l’America è sciubbinutu.  “Nc’è lu Signore a ‘ngiru e bbole istu: apriti li porte,...

Noi siamo gli Alpini

0
Noi siamo gli Alpinidel 1° battaglioneportiamo la fiammaed una penna nera.Le dure fatichesappiamo sopportareperché noi artieridel Genio siamo Alpini. Noi siam arditi e fieri,baldi leoni artieritra i fiumi, i monti e i mari:non fanno a...

Le poesie ti Ziu Roccu: “la Speranza”

0
L'annu tomila e sette si nne sciutue a muta gente, si sape, no nn'è piaciutua ncapu girane ncora dri storie brutteca pi Santu Suliestru li scancillamu tutte. Ti quannu lu munnu è natu cussì si...

Pandemia 2020

0
Istu ca drha fore nu virus ni sta 'mbilena,scrivu ddo righi durante sta quarantena. Curiosu stu fattu, ddo simu rriati,chiusi in clausura comu lli Frati. Tutti nni malangavame intrha stu paese,e moi, tutti uniti cu passa...

Lu Pipiticchiu

0
A n’ecchia ni scappau nu pipiticchiu Tremila mije scìu la sua fumara ...

La Sindrome di Stendhal

0
L’ordine e il decoro, in casa ed in giardinoson sempre assai piaciuti a Mesciu Cosimino. Di spirito assai libero, in ozio non sa stare,fortuna che in famiglia c’è sempre un bel daffare. Dal canto suo, Nicola,...

La piazza di Veglie

0
Oggi vi parlo della Piazza, un Santo la veglia con la sua stazza. Anziani che discutono del piu e del meno, dove il piu arzillo urla all'amico “butta il veleno”. Di lato c'è il Palazzo Cacciatore, ma tira piu...

Seconda spedizione in Russia

0
Noi siam genieri alpiniDa Villafranca in Russia siam partitiIl 20 agosto 1942:bandiera nera! Bandiera nera, è lutto degli alpiniche vanno in guerra.E' lutto degli alpini che vanno in guerra,la miglior gioventù va sotto terra. "Nell'ultimo vagone c'è...

Banco alimentare

0
Avvolto nell’oscurità autunnalee nel silenzio di fine lavoropenso a una Italia pullulanteche mescola rumorea luce artificialea surrogato di vita mentre più in làin solitudinequalcuno soffocalacrime e fame. Di Marco Immagine di David Vázquez da Unsplash

I PIÙ LETTI