Nu ecchiu forte, tuestu e caminante

0
Nu ecchiu forte, tuestu e caminante è statu ti la Barca lu comandante. A 'ngiru pi lu munnu si nn’è sciutu, ti l’Asia e ti l’America è sciubbinutu.  “Nc’è lu Signore a ‘ngiru e bbole istu: apriti li porte,...

La Sindrome di Stendhal

0
L’ordine e il decoro, in casa ed in giardinoson sempre assai piaciuti a Mesciu Cosimino. Di spirito assai libero, in ozio non sa stare,fortuna che in famiglia c’è sempre un bel daffare. Dal canto suo, Nicola,...

Il 9 di Marzo 1940

0
Il 9 di Marzo 1940 nessun se l'aspettavauna cartolina bianca:si è stati richiamati. Noi siam partiti allorcon una tristezza al cuorlasciando l'amorosa con gli altri a far l'amor. Da Verona siam partitia Ursio dislocati e subito...

La festa ti San Giuanni

0
Caru San Giuanni, quiddhru piccinnu,ca alla sira ti lu 23 ti cantane l’innu, Santu protettore ti nu paise no tantu ranne,ca alli tiempi antichi stia a mienzu alli patule e alli canne, Tre so li giurni...

Pandemia 2020

0
Istu ca drha fore nu virus ni sta 'mbilena,scrivu ddo righi durante sta quarantena. Curiosu stu fattu, ddo simu rriati,chiusi in clausura comu lli Frati. Tutti nni malangavame intrha stu paese,e moi, tutti uniti cu passa...

Le poesie ti Ziu Roccu: “la Speranza”

0
L'annu tomila e sette si nne sciutue a muta gente, si sape, no nn'è piaciutua ncapu girane ncora dri storie brutteca pi Santu Suliestru li scancillamu tutte. Ti quannu lu munnu è natu cussì si...

Le poesie ti Ziu Roccu: “Maremotu”

0
Iou mi ricordu sirma ca ticia"Lu terramotu è bruttu, fiju mia"poi 'nci pinsava nu picca e continuavae fissu intra all’uecchi mi guardava. Sirai tinìa paura cu mi ticenna cosa cchiù fiacca ti ci ti mmaletice?E...

Ciao, me ne vado a Betlemme

0
Ciao, me ne vado a Betlemme!Ho bruciato lungo le nottila luce degli occhiper guardare le stellee cercare la Sua,fatto anch’io Re Mago,che conosce i segreti dei cieli. Ciao, me ne vado a Betlemme!Nel cuor della...

Sole invernale

0
Sole invernaleAssaggio di primaveradi luce solo nel pensieroCome un ricordodi gioventùben scolpito e mai ripostonutrito di arido presente. Di Marco Foto di Mike Kotsch da Unsplash

Banco alimentare

0
Avvolto nell’oscurità autunnalee nel silenzio di fine lavoropenso a una Italia pullulanteche mescola rumorea luce artificialea surrogato di vita mentre più in làin solitudinequalcuno soffocalacrime e fame. Di Marco Immagine di David Vázquez da Unsplash

I PIÙ LETTI